persona-da-dentista-controllo

È importante riconoscere i primi sintomi della gengivite per prevenire il suo peggioramento e proteggere la salute delle gengive e dei denti. Alcuni dei sintomi principali includono:

Altri segni possono includere alito cattivo persistente, gengive che si ritirano e formazione di tasche intorno ai denti. Se non trattata, la gengivite può progredire in una forma più grave di malattia gengivale nota come parodontite, che può portare alla perdita ossea e alla perdita dei denti. Pertanto, è essenziale consultare un dentista se si sospetta di avere gengivite per ricevere una diagnosi accurata e un trattamento tempestivo.

Come curare la gengivite? I rimedi

Le cure per la gengivite prevedono una combinazione di approcci domiciliari e professionali.

Innanzitutto, l’igiene orale è fondamentale. Infatti, per combattere la placca batterica, causa principale della gengivite, lavarsi i denti due volte al giorno per due minuti con uno spazzolino morbido e usare il filo interdentale regolarmente sono due abitudini irrinunciabili. È altrettanto importante visitare regolarmente il dentista per checkup e pulizie professionali.

Riguardo all’approccio professionale, nei casi più gravi il dentista può prescrivere antibiotici, al fine di combattere l’infezione batterica dall’interno.

Per la gengivite, rimedi naturali e casalinghi come i risciacqui con acqua salata possono aiutare a ridurre l’infiammazione e il sanguinamento. L’aloe vera ha proprietà antinfiammatorie e può essere applicata sulle gengive sotto forma di gel. Anche l’assunzione di integratori di vitamina C può aiutare a rafforzare le gengive e ridurre il sanguinamento.

In generale, è importante ricordare che la gengivite è assolutamente curabile. Con una corretta igiene orale, trattamenti professionali e, se necessario, l’utilizzo di rimedi per la gengivite, è possibile ripristinare la salute delle proprie gengive.

Le cause della gengivite

Le cause della gengivite possono essere varie:

  • Accumulo di placca batterica: La placca è una pellicola appiccicosa e incolore che si forma sui denti quando i batteri in bocca si mescolano con il cibo e la saliva. Se la placca non viene rimossa regolarmente con lo spazzolino e il filo interdentale, può indurirsi e trasformarsi in tartaro. Il tartaro irrita le gengive, causando infiammazione e sanguinamento.
  • Scarsa igiene orale: Non lavarsi i denti due volte al giorno per due minuti, non usare il filo interdentale regolarmente o non visitare il dentista regolarmente può aumentare il rischio di sviluppare gengivite.
  • Fumo: Il fumo riduce il flusso sanguigno alle gengive, rendendole più vulnerabili alle infezioni.
  • Diabete: Le persone con diabete sono più a rischio di sviluppare infezioni, inclusa la gengivite.
  • Cambiamenti ormonali: Le donne possono essere più soggette a gengivite durante la pubertà, la gravidanza e la menopausa.
  • Farmaci: Alcuni farmaci, come i corticosteroidi, possono causare secchezza delle fauci e ridurre il flusso salivare, favorendo la formazione della placca.
  • Protesi dentarie: Le protesi dentarie non correttamente pulite possono favorire l’accumulo di placca e batteri.
  • Carenze nutrizionali: La carenza di vitamina C può aumentare il rischio di sanguinamento gengivale.

Tra le cause della gengivite meno note troviamo lo stress: lo stress cronico, influenzando negativamente il sistema immunitario e abbassando i livelli di cortisolo, rende il corpo più suscettibile alle infezioni e alle infiammazioni, tra cui la cosiddetta gengivite da stress.

I diversi tipi di gengivite: acuta, gravidica, desquamativa…

Questa condizione infiammatoria delle gengive si manifesta in diverse tipologie, classificate in base alla causa e alla gravità dei sintomi. Tra le principali forme di gengivite vi sono:

  • Gengivite indotta da placca: la forma più comune, causata dall’accumulo di placca batterica sui denti, che se trascurata può evolvere in parodontite.
  • Gengivite non indotta da placca, derivante da fattori come disturbi sistemici, cambiamenti ormonali, farmaci, reazioni allergiche o carenze nutrizionali.
  • Gengivite acuta o gengivite ulcerosa necrotizzante acuta, una variante grave che causa ulcerazioni e necrosi delle gengive, più comune in individui con un sistema immunitario indebolito.
  • Gengivite iperplastica, caratterizzate dall’aumento di volume delle gengive.
  • Gengivite desquamativa: forma rara che causa il distacco dello strato superficiale delle gengive.
  • Gengivite gravidica, influenzata dai cambiamenti ormonali durante la gestazione.

La gravità può essere classificata come gengivite grave, moderata o lieve, in base ai sintomi presenti. Il trattamento per la sua cura può includere igiene orale professionale, igiene domiciliare, antibiotici e, nei casi più gravi, intervento chirurgico.

Post correlati

persona versa collutorio bicchiere

Rinforzare il lavaggio dei denti: a cosa serve il collutorio

Nell'ambito di un'adeguata routine di igiene orale, l'utilizzo del collutorio gioca un ruolo fondamentale nel mantenere una bocca sana e in salute.

Leggi di più
persona-bere-caffe

Quali sono i cibi che macchiano i denti?

Sei alla ricerca di un sorriso luminoso e sano? Allora potrebbe essere il momento di fare attenzione ai cibi che consumi.

Leggi di più
controllo-denti-bianchi

Mangiare le gomme per i denti bianchi? Non sostituirle allo spazzolino

Le gomme da masticare per pulire i denti sono diventate un'alternativa interessante e sempre più ricercata per molte persone che cercano modi innovativi per prendersi…

Leggi di più